La smisurata ambizione

cesare

Accadde a Roma il 13 febbraio 2014

Annunci

2 thoughts on “La smisurata ambizione

  1. “Tu quoque, Brute, Fili mi!” Ed ecco ripetersi la storia! Ma proprio la storia ci dice che la speranza accarezzata dai congiurati di suscitare l’entusiasmo del popolo e di procacciarsi i consensi e gli appoggi dei più influenti personaggi di Roma durò meno di un giorno. Il popolo non si lasciò commuovere e trascinare dai discorsi di Bruto e di Cassio e i cesariani, passata la paura iniziale, stabilirono di agire capitanati da Marc’Antonio, che comunque non era uno stinco di santo e, come sempre, agiva per il suo buon tornaconto!
    Conclusione: la morte di un Cesare non portò gloria a Bruto e Cassio, che furono messi da parte, ma fece emergere la figura di Marc’Antonio fino a quando sulla scena politica non comparve un uomo cui nessuno fino ad allora aveva mai pensato, un certo Cajo Ottavio. Quindi come si può dedurre, chi di spada ferisce di spada perisce!!!

    LAURA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...