Caporali e caporalesse

totòNel film “Siamo uomini o caporali?”, Totò, dopo essere stato maltrattato e mortificato per l’ennesima volta dal suo superiore, si ribella dando in escandescenze. Viene, quindi, ricoverato in manicomio perché ritenuto pazzo furioso. Interrogato dallo psichiatra per valutare il suo equilibrio mentale, così motiva la sua reazione:

«L’umanità io l’ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali.
La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali, per fortuna, è la minoranza.

Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la vita come bestie, senza veder un raggio di sole, senza mai la minima soddisfazione, sempre nell’ombra di un’esistenza grama.

I caporali sono, appunto, coloro che sfruttano, che tiranneggiano, che umiliano. Questi esseri invasati dalla loro bramosia di guadagno e di potere li troviamo sempre a galla, sempre al posto di comando, spesso senza averne l’autorità, l’abilità o l’intelligenza, ma con la sola bravura delle loro facce toste, della loro prepotenza, pronti a vessare il povero uomo qualunque.

Dunque, dottore, ha capito? Caporali si nasce, non si diventa! A qualunque ceto essi appartengano, di qualunque nazione essi siano, ci faccia caso, hanno tutti la stessa faccia, le stesse espressioni, gli stessi modi, pensano tutti alla stessa maniera».

(Ogni riferimento a persone realmente esistenti è puramente voluto).

mimmo

Annunci

One thought on “Caporali e caporalesse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...