L’uovo di Pasqua

uova decorateUno dei simboli più rappresentativi della Pasqua cristiana è certamente l’uovo. Ma la tradizione di donare uova ha origini lontane e prescinde dalla festività religiosa. Alcune testimonianze documentano che già tra gli antichi Persiani, con l’inizio della primavera, era invalso l’uso di donare uova di gallina decorate con figure o frasi augurali. La stessa cosa avveniva anche nel Medioevo, quando le uova erano avvolte in foglie insieme a fiori per poi regalarle. Questo tra la gente semplice. L’aristocrazia invece usava scambiarle in dono rivestite di argento e oro. Si racconta che Edoardo I, re d’Inghilterra dal 1272 al 1307, in occasione di una Pasqua commissionò centinaia di uova ricoperte di materiali preziosi da offrire alla sua corte.

L’uovo, per la nuova vita che ha in sé, è stato sempre simbolo di prosperità. La sua forma rievoca il cosmo, che non ha inizio e nemmeno una fine, quindi l’infinito. Forse per questo il Cristianesimo si appropriò di questa antica tradizione popolare rielaborandola nella Resurrezione.

L'uovo Fabergé per la zarina

L’uovo Fabergé per la zarina Maria Fyodorovna

L’uso moderno di decorare le uova è dovuta a Peter Carl Fabergé, orafo alla corte dello zar di Russia che nella seconda metà del secolo XIX si distinse per la creazione di uova di alto valore artistico. Nel 1883 ricevette da Alessandro III l’incarico di confezionarne uno per la zarina Maria Fyodorovna, e Fabergé superò sé stesso creando un uovo di platino smaltato di bianco con all’interno un altro uovo in oro, che a sua volta conteneva due doni: una riproduzione della corona imperiale e un pulcino d’oro. La zarina ne fu entusiasta, tanto da indurre lo zar a nominarlo “gioielliere di corte”. È probabile che da qui nacque l’idea di nascondere all’interno di un uovo pasquale un dono.

casatielloAnche nella tradizione culinaria, in occasione della Pasqua, sono sempre presenti le uova. A Napoli è d’uso preparare il “casatiello”, un rustico che risale almeno al Seicento. È Giambattista Basile (1566–1632) che ne fa cenno ne’ “La gatta Cenerentola” quando descrive i festeggiamenti in occasione del ritrovamento della fanciulla che aveva perso lo scarpa:
E, venuto lo juorno destenato, oh bene mio: che mazzecatorio e che bazzara che se facette! Da dove vennero tante pastiere e casatielle? Dove li sottestate e le porpette? Dove li maccarune e graviuole? Tanto che nce poteva magnare n’asserceto formato.

Il “casatiello”, per la sua forma ad anello simboleggia la corona di spine posta sulla testa del Cristo e vi sono innestate alcune uova, e queste uova con tutto il guscio, sono fermate al loro posto da due strisce di pasta in croce. La pasta è la solita pasta del pane, ma intriso con lardo e strutto. Cotto al forno, le uova diventano sode
(Francesco de Bourcard, “Usi e costumi di Napoli”).

uova di cioccolatoOggi l’uovo da donare in occasione della Pasqua è di cioccolato. La scelta del cioccolato nasce dall’industria dolciaria, per la sua golosità, ma forse anche perché questo prodotto ha in sé l’immagine dei caratteri universali dell’umanità: nasce maschio (cacao) e diventa femmina (cioccolata).
Le prime notizie della produzione artigianale del cioccolato si hanno alla fine del Seicento, per poi svilupparsi in Svizzera a livello industriale nella prima metà dell’Ottocento. Famosi maestri cioccolatieri furono Henri Nestlé, Jean Tobler, (creatore del “Toblerone”), Daniel Peter (inventore del cioccolato al latte) e Rodolphe Lindt (artefice di quello fondente). E come non ricordare l’industria piemontese Ferrero, che ha creato nel 1964 un classico della cioccolateria mondiale: la Nutella, una crema gianduia con nocciole (nut, in inglese, è nocciola).

Comunque sia, BUONA PASQUA a tutti!

mimmo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...