Il giornalismo è un inganno

di Luca Sofri*

giornalismo 3La cosa che non ci diciamo mai è che in generale – buono o cattivo che sia – il giornalismo è un grande inganno, per definizione. Anche se ci riferiamo alle sue applicazioni più corrette e affidabili, stiamo sempre parlando di una grande e condivisa finzione che ammette si possa ridurre a sintesi, semplificazione, e spietata selezione una cosa fatta di enorme complessità e di dettagli essenziali e di variabili e di incidenti e di accessori come è la realtà. Nessun buon lavoro giornalistico può riprodurla o rappresentarla in maniera non dico fedele, ma neanche vicina: il giornalismo sta alla realtà come le stanno la pittura, o il teatro (la pittura o il teatro di cose reali). Per ben fatto che sia, sono molte più le cose che trascura, tace, esclude, di quelle che dice, mostra e spiega. Il giornalismo è una persona che fa un racconto.
È una riflessione che mi interessa per due ragioni. La prima ha a che fare con le notizie che non lo erano: questa considerazione dice che il buon giornalismo non oppone verità e completezza a quello cattivo delle notizie false, infondate e trascurate. Gli oppone correttezza, accuratezza, buona fede, verifiche; gli oppone un metodo: e si valuta non per la quantità di cose vere che dice, ma per la quantità di cose false che non dice. È un pensiero che sta dentro a quello generale che definisce la qualità e i successi in base agli errori non fatti piuttosto che ai prodigi fatti (l’arte di vivere in difesa, un’idea che le cose fatte meglio siano quelle in cui si osservano routine sbagliando meno possibile, piuttosto che quelle in cui si cerca il colpo fenomenale).
La seconda ragione è che se accettiamo che il giornalismo sia sempre un grande occultamento, questo significa che per fare un buon prodotto giornalistico si deve procedere soprattutto per eliminazione, occultamento delle cose non vere. Non scrivere delle cose che non si ritengono affidabili, non scrivere delle cose su cui le informazioni non sono sufficienti, non usare come fonti nessuno che non condivida i tuoi stessi criteri di fondatezza. È il motivo per cui – insieme alla maggiore debolezza di risorse, certo – sul Post spesso non trovate notizie pubblicate da altri siti di news. Perché la quota di inganno nel racconto giornalistico deve mantenersi dentro un limite dato. Che a volte significa dare informazioni spiegando la loro precarietà o incertezza, ma altre volte significa non darle proprio, nel dubbio (o nella certezza che siano false).
Questo limita inevitabilmente il servizio che stai offrendo, e la sua completezza. Volendo, crea un ulteriore inganno, quello che occulta quelle “notizie” che intanto stanno circolando e diventando comunque parte della realtà.
Ma ci vogliono metodo e buona fede, nell’inganno.

*Giornalista e direttore di www.ilpost.it
(qui pubblicato per gentile concessione dell’autore)

Annunci

2 thoughts on “Il giornalismo è un inganno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...