Violenza andata e ritorno

violenza

Giornata contro la violenza sulle donne

Il marito non la lascia dormire. Le chiede di fare sesso tutta la notte. Ancora, e ancora. Quando finalmente arriva il mattino e lui va al lavoro, lei non riesce più a riaddormentarsi: i suoi tre bambini hanno bisogno della loro mamma. Ma i soldi per la spesa lui glieli lascia soltanto quando ottiene ciò che vuole. Quindi stanotte lei si concederà, per il bene dei ragazzi. Ha paura di rimanere incinta di nuovo. Lui le proibisce l’uso di contraccettivi. L’ha sempre fatto. Lei vorrebbe andarsene, ma non può. Non ha lavoro e, oggi come oggi, le possibilità di essere assunta sono poche. Anche se trovasse qualcosa, chi si occuperebbe poi dei suoi figli? Se denunciasse suo marito, è sicura che il giudice non le darebbe la custodia perché non è autosufficiente. E non è tutto. Una parte di lei, infatti, pensa che tutto questo sia colpa sua. Che se lo sia meritato. 

(è l’incipit di un articolo di Simon Bouvier pubblicato oggi su lastampa.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...