La gabbianella

di Gian Albino Testa — 

logo_la_gabbianella3-853x426

La gabbianella volava sul fiordo
il pescatore la guardava dal porto
“Io sono vecchio, non posso pescare”
disse un bel giorno quell’uomo di mare.
La gabbianella gli chiese il perché
“Io non ho più la mia donna con me”.

“Anch’io son sola e aspetto il mio volo
ti offro l’incanto del mio lavoro”
“Non ho più moglie ma so cucinare.
Ho ancora un pesce. Vieni a mangiare”.
E fu cosi che accese un fuochino
la gabbianella aspettò sul camino.

Si mise in quello in cui il fumo non c’era
per non far venire la sua penna nera.
Il pescatore l’uccellina volle sfamare
ed era questo il suo modo d’amare.
“Il cibo che hai dato ti restituirò”
la gabbianella sul fiordo volò.

Volava nel tempo della sua attesa
e con il pesce portato la favilla era accesa
La gabbianella sognava un gabbiano
con cui volare con l’ala in mano
Ed il suo grido si udiva davvero
col sole, la pioggia e il cielo sereno.

Poi l’uccellina sul camin si posava,
ma le sue penne non si sporcava.
Un giorno in volo sull’altro camino
venne un gabbiano per starle vicino.
La gabbianella gli disse: “Sta attento
il fuoco ti brucia le penne col vento

Ma il camino era spento da tempo
e sulla casa fischiava il vento.
La gabbianella volava sul fiordo
il suo gabbiano la guardava dal porto.
Poi d’improvviso apriva le ali
la gabbianella gli diceva: ”Sali”

http://www.ominodellefiabe.it

Annunci

One thought on “La gabbianella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...