Sull’amicizia

di Francesco Alberoni — 

amicizia 1Quando due persone, indipendentemente dai loro rapporti sociali, si stimano, stanno bene insieme, si trattano su un piede di uguaglianza, allora sono amiche.
… … …
Nell’amicizia noi non possiamo proclamare una cosa e farne un’altra. Nell’amicizia i patti vanno rispettati, la fiducia meritata. L’amicizia deve essere leale, sincera, limpida. L’amico deve voler il bene dell’amico non a parole, ma concretamente. Deve essere presente nel momento del bisogno. Chi è beneficiato non deve né approfittarsene, né annoiare con i ringraziamenti. Nell’amicizia non si può ingannare, non si può fare del male. Mai, neppure una volta. Nell’amicizia bisogna saper vedere la virtù dell’altro e valorizzarla. L’amico deve essere aperto, pieno di vita, divertente. Non deve annoiare, non deve seccare. Un amico non deve nemmeno essere troppo generoso, riempire di regali perché, se fa così, suscita il bisogno di ricambiare, crea dei doveri di riconoscenza che sono troppo pesanti. L’amicizia deve essere fresca, leggera anche quando è eroica. L’amicizia dice sempre, anche di fronte alla morte: «Non c’è di che». Questi sono gli ideali dell’amicizia. Non chiede di dare tutto, di baciare i lebbrosi, di mentire in tribunale. Non chiede nemmeno di vivere sotto lo stesso tetto. Però quello che chiede lo esige. E, se non le viene dato, giudica e condanna. Una volta condannato, ben difficilmente perdona. Non punisce, non minaccia, non esercita rappresaglie, non fa ricatti. Semplicemente svanisce. Se l’ideale non viene realizzato, l’amicizia scompare. Probabilmente non c’è nessuna relazione umana in cui il reale deve essere sempre così vicino all’ideale. È la relazione che sopporta meno l’esagerazione e la chiacchiera. Comprendiamo, allora, perché l’amicizia sembri così fragile, e perché ci sia tanta gente che si dice delusa dall’amicizia. Costoro l’hanno confusa con qualcos’altro, non hanno voluto stare alle regole del gioco. Anche coloro che dicono che l’amicizia c’era nell’antichità ed è scomparsa nel mondo moderno sbagliano. L’amicizia esisteva al tempo di Confucio ed esiste oggi. Non c’è alcun motivo di pensare che debba scomparire nel futuro. L’amicizia è soltanto un modello ideale che chiede di essere rispettato. Per quel tanto che noi lo seguiamo, il mondo si riempie di amici e questi, vedendoci, ci sorridono.

(Il brano è tratto da “L’amicizia” edito da Garzanti – 1998)

Leggi anche Chi perde un amico perde un tesoro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...