Fenesta vascia

di mimmo

“Fenesta vascia” è il titolo di un canto d’amore del Cinquecento rielaborato nel 1828 nei versi da Giulio Genoino e nella musica da Guglielmo Cottreau, poi inserito nel repertorio dei più grandi artisti fra cui Pavarotti, Giovanna, Bruno Venturini e, di recente, Massimo Ranieri. Il mitico Sergio Bruni la interpretava in maniera sublime.

È la storia di un amore senza speranza di un giovane per una ragazza che abita in una casa a pianterreno con una finestra, attraverso la quale egli intravede la morosa.
La canzone originale fu affidata dal Cottreau, che si può considerare il padre della Canzone Napoletana moderna, ad alcuni poeti locali, tra i quali Giulio Genoino, valente poeta-letterato di Frattamaggiore, in provincia di Napoli, che riuscì ad adattare il testo del Cinquecento in una parlata del suo tempo. La sua trascrizione non ha sminuito l’intensità della poesia, che ha due livelli: rabbioso il primo, dove la ragazza è definita “Padrona aspra e crudele”, dolce il secondo, dove l’innamorato la chiama vezzosamente “Nennella” (ragazza, piccola donna).
Anche il grande musicista ungherese Franz Liszt compose delle variazioni sulla melodia di questa canzone che aveva sentito a Napoli durante un suo viaggio in Italia.
La musica fu scritta per un tipo di liuto ormai in disuso chiamato “il calascione”, ma è con chitarra e mandolino che esprime meglio quella indefinibile malinconia tipica delle antiche canzoni napoletane.

Fenesta vascia ‘e padrona crudele,                Finestra bassa di una padrona crudele,
quanta suspire m’aje fatto jettare.                  quanti sospiri mi hai fatto sprecare.
M’arde ‘stu core, comm’a ‘na cannela,           Il mio cuore brucia come una candela,
bella, quanno te sento annommenare!           bella, se sento il tuo nome pronunciare!
Oje piglia la sperienza de’ la neve.                 Orsù, prendi esempio dalla neve.
La neve è fredda e se fa maniare.                   La neve è fredda ma si fa accarezzare.
E tu comme si’ tanta aspra e crudele.            Ma tu sei così aspra e crudele.
Muorto me vide e nun me vuo’ ajutare…       Mi vedi morire e non mi vuoi aiutare…

Vulesse addeventare ‘nu picciuotto,             Vorrei diventare un ragazzo,
cu’ na langella a ghire vennenn’acqua,         che con la brocca va vendendo l’acqua,
pe’ me ne j’ da chisti palazzuotte:                  per andar per questi caseggiati:
Belli femmene meje, a chi vo’ acqua…          Mie belle donne, chi vuole l’acqua?
S’affaccia ‘na nennella dall’ancoppe.            Si affaccia una ragazza da lì sopra.
Chi è ‘sto ninno ca va vennenn’acqua?        Chi è il bel ragazzo che vende l’acqua?
E je responeo, cu’ parole accorte:                 Le risponderei con parole dosate:
So’ lacreme d’ammore e non è acqua…        Sono lacrime d’amore, non è acqua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...