Muoiono soltanto gli stronzi

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

di mimmo — “Muoiono soltanto gli stronzi”. Lo disse Mario Monicelli. È un’affermazione forte per dire che, pur non avendo alcun timore di cosa eventualmente lo aspettasse dopo, gli rincresceva moltissimo lasciare questo mondo. Monicelli è stato un grande protagonista … Continua a leggere

Prontuario per il brindisi di Capodanno

di Erri De Luca

Bevo a chi è di turno, in treno, in ospedale,
cucina, albergo, radio, fonderia,
in mare, su un aereo, in autostrada,
a chi scavalca questa notte senza un saluto,
bevo alla luna prossima, alla ragazza incinta,
a chi fa una promessa, a chi l’ha mantenuta,
a chi ha pagato il conto, a chi lo sta pagando,
a chi non è invitato in nessun posto,
allo straniero che impara l’italiano,
a chi studia la musica, a chi sa ballare il tango,
a chi si è alzato per cedere il posto,
a chi non si può alzare, a chi arrossisce,
a chi legge Dickens, a chi piange al cinema,
a chi protegge i boschi, a chi spegne un incendio,
a chi ha perduto tutto e ricomincia,
all’astemio che fa uno sforzo di condivisione,
a chi è nessuno per la persona amata,
a chi subisce scherzi e per reazione un giorno sarà eroe,
a chi scorda l’offesa, a chi sorride in fotografia,
a chi va a piedi, a chi sa andare scalzo,
a chi restituisce da quello che ha avuto,
a chi non capisce le barzellette,
all’ultimo insulto che sia l’ultimo,
ai pareggi, alle ics della schedina,
a chi fa un passo avanti e così disfa la riga,
a chi vuol farlo e poi non ce la fa,
infine bevo a chi ha diritto a un brindisi stasera
e tra questi non ha trovato il suo.

Quando i numeri dicono più delle parole

25 novembre
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Nel 2015, le donne vittime di omicidio volontario sono state 142
Nel 2016, le donne vittime di omicidio volontario sono state 150
Quest’anno, al 31 ottobre le donne vittime di omicidio volontario sono state 114

(Dati 4° Rapporto Eures)

Gli angeli dei social

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

di Elisabetta Rosaspina* — Avevamo passato quattro mesi di un’estate torrida, il sole aveva disseccato e indurito la terra della campagna e molti piccoli torrenti erano stati cancellati dalla calura, o ridotti a semplici rigagnoli. Eravamo tutti molti provati dall’afa … Continua a leggere